AD-ASTRA, un progetto per favorire il networking europeo tra gli ecosistemi di innovazione aerospaziale

Il progetto AD-ASTRA ha lo scopo di creare un ecosistema di innovazione connesso e competitivo tra cinque regioni europee: Emilia-Romagna, Madrid, Occitania, Puglia e Olanda Meridionale. Il progetto si concentra sul potenziamento del settore aerospaziale nelle regioni coinvolte includendo anche la contaminazione con altri settori innovativi quali l’automotive, il biomedicale, l’agroalimentare e il big data. Nello specifico, il progetto promuove la collaborazione e il networking tra le Regioni con l’obiettivo di ideare progetti di ricerca congiunti, condividere competenze tecnologiche e le migliori pratiche, nonché facilitare lo scambio di conoscenze e risorse. La condivisione del patrimonio di conoscenze esistente avviene organizzando eventi di scambio – chiamati workshop di co-creazione nel quale sono coinvolti i principali attori degli ecosistemi aerospaziali regionali – utili a fornire input essenziali per abilitare nuovi processi di innovazione. 

Ad oggi il progetto è al giro di boa: in questi primi 12 mesi è stato portato a temine il primo pacchetto di lavoro (WP1- Work Package 1). Le azioni svolte al suo interno sono state: 1) la creazione di un inventario sulle capacità tecniche degli stakeholder di ogni regione, e sui collegamenti inter- e intra-regionali già stabiliti tra le regioni; 2) l’identificazione dei megatrend per lo sviluppo futuro tecnologico, sociale, economico e politico nonché la previsione di nuovi scenari. Inoltre, sono iniziati i lavori del secondo pacchetto di lavoro (WP2), di cui il Distretto Tecnologico Aerospaziale è responsabile, con l’organizzazione di tre dei cinque workshop internazionali di co-creazione.

In particolare, si sono già svolti eventi in Olanda Meridionale, Emilia-Romagna e Puglia in cui sono stati approfonditi, rispettivamente, le tematiche dei megatrend, delle capacità e abilità formative utili al settore aerospaziale e il tema test bed che nel futuro abiliteranno lo sviluppo di nuove piattaforme o soluzioni aeree.

Scopri di più sul progetto, clicca qui.

Facebook
Twitter
LinkedIn